Aggiornamento Covid19: siamo operativi 100%, con consegna gratuita. Uffici chiusi al pubblico, contattaci via mail o telefonaci

igienizzante mani

La qualità al centro
L’unica tipografia di eccellenza nella Capitale
50 anni di tipografia
Stampiamo con passione dal 1969
Scelti da grandi aziende
Il nostro portfolio, una garanzia

Condividi:  Email   Facebook  Twitter 
igienizzante mani: • Igienizzante a base alcolica 70%
• Non secca le mani
• Viricida
Igienizzante mani

Gel igienizzante idroalcolico per le mani, utile quando si desidera una pulizia senza la possibilità di avere dell’acqua a portata di “mano”, lasciandole istantaneamente asciutte ed igienizzate. Ottimo a completamento della detersione coi normali saponi (ad es. dopo il cambio di pannolino del bebè, prima di cucinare, etc.) fuori casa quando non si hanno a disposizione acqua e sapone (ad es. sui mezzi pubblici, dopo aver maneggiato denaro, negli ospedali, etc.)

♦ Igienizzante a base alcolica al 70%
♦ Non secca le mani
♦ Viricida

DISPONIBILE NEI FORMATI
100 ML - Versione pocket
250 ML
1000 ML

PRODOTTI SOGGETTI A CREDITO D'IMPOSTA

Art. 30 decreto liquidità dell’8 aprile - estratto
(Modifiche al credito d’imposta per le spese di sanificazione)

La disposizione estende le tipologie di spese ammesse al credito d’imposta attribuito per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro di cui all’articolo 64 del decreto-legge n. 18 del 2020 includendo quelle relative all’acquisto di dispositivi di protezione individuale (quali, ad esempio, mascherine chirurgiche, Ffp2 e Ffp3, guanti, visiere di protezione e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari), ovvero all’acquisto e all’installazione di altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale ad agenti biologici o a garantire la distanza di sicurezza interpersonale (quali, ad esempio, barriere e pannelli protettivi). Sono, inoltre, compresi i detergenti mani e i disinfettanti. Il secondo e il terzo periodo della disposizione confermano che il credito d’imposta è attribuito a ciascun beneficiario, fino all’importo massimo di 20.000 euro, nella misura del 50 per cento delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2020, e comunque nel limite di spesa fissato in 50 milioni di euro.

La tipografia che nobilita

Rendiamo memorabili i tuoi stampati